Raggiunta la massima estensione dei ghiacci in Artico: è la seconda più bassa della storia

artico Con la fine dell’inverno giungono puntuali i dati relativi all’estensione dei ghiacci marini nell’Artico e le notizie  non sono per niente buone.

 

 

 

 

estensione-ghiaccio-articoSecondo le elaborazioni rese note dal NSIDC, National Snow and Ice Data Center, lo scorso 17 marzo 2018 l’estensione dei ghiacci nell’Artico ha raggiunto il suo massimo valore stagionale con una superficie pari a circa 14.48 milioni di chilometri quadrati.

Si tratta del secondo valore più basso da quando si effettuano le rilevazioni satellitari, ossia da 39 anni, e gli ultimi 4 record negativi si sono verificati proprio negli ultimi 4 anni. Siamo ormai sotto la media del periodo 1981-2010 di circa 1,16 milioni di chilometri quadrati, pari alla superficie di Italia, Spagna e Germania messe insieme.

 

Le zone maggiormente interessate dal deficit sono state quelle de Mare di Barents, settore atlantico, e del Mare di Bering, settore pacifico. Il deficit supera di poco – soltanto 60mila chilometri quadrati – il livello del 2017, che detiene il primato negativo. Il 13 settembre scorso, due giorni in anticipo rispetto al solito, l’Artico registrò la minima estensione annuale, l’ottava più bassa mai raggiunta negli ultimi 38 anni. Prosegue dunque senza sosta il trend negativo che riguarda i ghiacci dell’Artico che incidono in modo significativo sul clima di tutto il Pianeta.

 

 

artic1

Condividi questa notizia